Alla scoperta di Lamon

Programma estate  2022

Pernottando presso la locanda Ponte Serra nel periodo che va da luglio a settembre 2022 avrai la possibilità di partecipare GRATUITAMENTE ad una delle ESCURSIONI GUIDATE proposte per scoprire il nostro bellissimo territorio di Lamon.

Non esitare a richiederci maggiori informazioni su questa iniziativa attraverso i nostri contatti.

Debora e Davide
 

Di seguito le ESCURSIONI PROPOSTE

I Colli di Le Ei
½ giornata: sabato 2 luglio, sabato 13 agosto
(Le Ei, Jal, col Torond, col di Cee, Le Ei)
In collaborazione con il Consorzio Dolomiti Prealpi
Lunghezza: 4,5 km
Dislivello: + 200 m
Durata: 2 h 30'-3 h circa
Itinerario nella parte alta del paese di Lamon a quota 1260m.
Dalla località Le-ei si prosegue verso i colli che la circondano camminando per l'intera durata del percorso quasi esclusivamente su distese prative dominate dal monte Coppolo, la montagna del paese. Una volta raggiunto il punto panoramico della croce di Gial, la visuale si apre dapprima sulle Vette Feltrine, la vallata feltrina e le Prealpi venete, per poi dirigere lo sguardo verso Cima Campo e infine verso il monte Agaro del vicino Trentino. Un ulteriore punto di interesse sarà la fornace che ancor bene si conserva inoltrandosi di poco sui pendii del Coppolo.


Al de qua e al de là del Senaiga
½ giornata: martedì 5 luglio
(Fraz. Costa - La Val - Moggi - Mulin de Damo - Chioè - Costa)
Lunghezza: 6 km
Dislivello: + 400 m
Durata: 3,30 h circa
Un percorso ad anello che ci permetterà di ripercorrere gli antichi sentieri che fungevano da vie di transito e comunicazione tra i piccoli nuclei abitativi di Lamon separati tra loro dal torrente Senaiga. Noto quest'ultimo per la cascata del Salton, oltre che per il bellissimo canyon che crea in tutto il suo decorso.
Il corso d' acqua dalla notevole portata e dai colori cristallini, sarà oltrepassato due volte per mezzo di ponti e di una suggestiva passerella. A questi, in entrambi i casi, si accompagna la presenza di un antico mulino, segno di come la popolazione sfruttasse le ricchezze naturali del luogo, in questo caso per il funzionamento della macina per la farina.



Arina, il confine veneto ed oltre
giornata intera: sabato 9 luglio
(Arina - Val dell'Orso - Celado - La Baia - Cavalea - Arina)
Lunghezza: 18 km
Dislivello: + 800 m
Durata: 5-6 h circa
Un'intera giornata da trascorrere tra sentieri e strade forestali percorrendo gran parte di Arina, una delle principali frazioni del paese di Lamon, il cui centro è situato a quota 800m sul livello del mare. Una volta attraversate la Valle dell'Orso e la Valpora, l'itinerario ci condurrà dalla provincia di Belluno al territorio trentino del quale raggiungeremo le località Celado e Passo della Baia. Dopo aver attraversato nuovamente il confine, ritorneremo a Cavalea e, con passaggio dal Cod dei Tei, si proseguirà per i Toffoli fino a rientrare nel centro della frazione. Le antiche contrade, i boschi tipici della zona e le distese prative molto suggestive per la vista sulle montagne che le circondano, arricchiscono di storia, natura e cultura l'itinerario.


Alla Cascata del Salton
½ giornata: martedì 12 luglio, sabato 30 luglio, martedì 16 agosto
(San Donato - i Pian - Salton e ritorno)
Lunghezza: 7 km
Dislivello: + 400 m
Durata: 4,30 h circa
Percorso nell'inesplorata valle del torrente Senaiga alla base dei più isolati raggruppamenti di case della frazione di San Donato. Il corso d'acqua verrà costeggiato ed oltrepassato grazie a suggestive passerelle che uniscono le due sponde fino a raggiungere la cascata: un salto d'acqua di 30m.
Il percorso costeggia il Senaiga regalando scorci di grande bellezza e suggestione. All’aspetto paesaggistico si affiancano spunti di interesse geologico e antropico notevolissimi, dati dalla presenza lungo il tracciato di grotte e cavità, come nel caso della Grotta dell'acqua Nera che incontreremo nel nostro cammino.



Valnuvola da scoprire
½ giornata: sabato 16 luglio, martedì 23 agosto
(San Donato, Valnuvola, San Donato)
Lunghezza: 10 km
Dislivello: + 450 m
Durata: 4,30 h circa
Alla base delle pareti calcaree del monte Coppolo, in direzione della sua croce di "San Donato", sorge l'abitato di Valnuvola, una valle dal nome parlante. Tanto defilata e spesso poco frequentata, quanto bella da riservare angoli di singolare bellezza, la valle ci permetterà di percorrere gran parte dell'escursione immersi in una delle più belle e grandi faggete della zona.
Tra il verde delle foglie acceso dai raggi del sole, raggiungeremo il nucleo abitativo tramite comodi sentieri e, una volta osservato lo scorcio del monte Coppolo da qui molto particolare, inizieremo ad abbassarci seguendo il suono del torrente alla volta del Pont del Buligon.

Attraversandolo, saremo sospesi sopra alla stupenda forra dall'acqua cristallina che dà il via al canyon del torrente Senaiga. Da qui si procederà poi per ritornare al punto di partenza dell'escursione.



Alla scoperta delle Antiche Frazioni:
Pugnai, Marsanghi e Bellotti

½ giornata: martedì 19 luglio, domenica 4 settembre
(Val Rosna, Pugnai, Bellotti, Marsanghi, Val Rosna)
Lunghezza: 7 km
Dislivello: + 450 m
Durata: 3-4 h circa
Andremo alla scoperta di Pugnai, Marsanghi e Bellotti, tre frazioni ormai disabitate che testimoniano lo stile di vita di un tempo, spesso difficile, nelle località più isolate del paese.
Lungo tutto il percorso, incastonati nella valle del Cismon tra il confine Trentino e del paese di Sovramonte, saranno tangibili gli effetti distruttivi della tempesta Vaia, la quale ha lasciato pesantemente la propria traccia nei boschi dei pendii che attraverseremo.



Arina e le sue contrade
½ giornata: sabato 23 luglio
(Toffoli - Caravaggio - Cavalea - Chiappini - Toffoli)
Lunghezza: 7 km
Dislivello: + 350 m
Durata: 3,30 h circa
E’ un percorso facile, che nei suoi quasi 7 km regala numerosi spunti di interesse paesaggistico, antropico e naturalistico utili per comprendere anche quale isolamento vivessero un tempo i residenti e quali difficoltà comportasse abitare in questi luoghi. Si parte dalla chiesa di Arina e da qui ci si dirige verso sinistra ai “solivi”. In mezz’ora circa si giunge alla bella contrada Piloni e, in un quarto d’ora di cammino, superato il “Col Sec” si giunge a località Chiappini da cui è possibile ammirare un panorama che spazia su Cima Campo e Cima Lan, località queste ultime di notevole interesse per gli appassionati della Grande Guerra anche per la sopravvivenza di testimonianze quali il celebre Forte Leone. Il
percorso prosegue verso Cavalea, Colle dei Tei, Toffoli e Gobbi, da cui si ritorna ad Arina.



Sulle tracce dei Romani:
Via Claudia Augusta Altinate e museo Archeologico

giornata intera: martedì 26 luglio
(Le Ei, San Donato, Lamon)
Lunghezza: 12km
Dislivello: + 150 m
Durata: 4,30 h circa e visita al museo
Natura, cultura e storia si intrecciano lungo l'antica via romana Claudia Augusta Altinate. L'itinerario ne prevede la percorrenza fino al suo luogo simbolo: il ponte romano. Il percorso riprende in parte il tracciato dell’antica via pagana e presenta rilevanti spunti di interesse naturalistico e storico-archeologico, basti pensare alle vestigia del ponte detto “Romano”. Con partenza dal suggestivo panorama in loc. Le Ei ai piedi del monte Coppolo, si raggiungerà l'abitato di San Donato. Da qui la “via storica” scende fino alla frazione Costa e poi Rugna. Poco oltre l’abitato ci si fermerà ad ammirare il Ponte Romano, anche approfittando dell’area pic-nic allestita in zona. Il sentiero termina portandovi nel cuore del paese di Lamon.
In aggiunta il museo archeologico raccoglie gli oggetti rinvenuti alle necropoli di San Donato che permettono di ripercorrere le usanze di tali civiltà.



I bivacchi del Monte Coppolo
giornata intera: martedì 2 agosto, sabato 27 agosto
(P. Brocon, Bivacco Croset, Bivacco Leib, P.Brocon)
Lunghezza: 17 km
Dislivello: + 550 m
Durata: 5-6 h circa
Partendo dal passo Brocon andremo alla scoperta degli isolati bivacchi, spesso poco noti e frequentati, del monte Coppolo. Dapprima, partendo da quota 1616m con visuale sulla parte nord della montagna del paese e sulle vicine Pale di San Martino, ci abbasseremo di quota fino a raggiungere il primo obiettivo di giornata: il bivacco Croset (1205 m.). Da questo si riparte proseguendo con un giro ad anello che ci permette di alzarci nuovamente di quota fino a raggiungere il secondo bicacco "ai Leib", chiamato anche "Casetta dei cacciatori" a 1680 m. Da qui le fatiche sono pressoché terminate e ci si può gustare il ritorno sul panoramico e suggestivo sentiero che ci ricondurrà al passo Brocon.


Giro del lago Senaiga
Giornata Intera: sabato 6 agosto, martedì 30 agosto
(Lamon - Pian del Vescovo - Diga - Passerella - Rugna - Lamon)
Lughezza: 15 km
Dislivello: + 500 m
Durata: 5,30 h circa
Con partenza dal centro di Lamon, dirigendosi verso la zona della campagna tipica della coltivazione del fagiolo, inizierà il nostro avvicinamento allo specchio d'acqua del lago Senaiga.
Attraversando dapprima la diga con vista sul mote Coppolo, percorreremo le gallerie che costeggiano la prima parte del lago, offrendoci finestre con particolari e insoliti scorci su di esso. Ci allontaneremo poi leggermente dal decorso del lago per raggiungere all'ombra del bosco la loc. Prese, dalla quale poi discendere alla volta di uno dei punti più visitati e attrattivi del nostro altopiano: la passerella. Oltre all'aspetto paesaggistico, vi sarà anche qualche aneddoto della guerra da raccontare, di quando il lago ancora non c'era.

Infine, come ultima tappa e breve sosta rigenerante, raggiungeremo tramite sentiero la frazione Rugna per godere del nostro ponte romano.



Nel cuore dell’altopiano
½ giornata: martedì 9 agosto
(Lamon - Sala - Colle di Pezzè - Ponte romano - Lamon)
Lunghezza: 6 km
Dislivello: + 200 m
Durata: 3 h circa
In pochi minuti dalla partenza prevista nel centro del paese, si raggiunge il colle di S. Pietro. L'attenzione verrà subito catturata dall'omonima chiesa che, dal 1200, domina il paese dall'alto, ricca di storie e di curiosità. Il colle ci offre una finestra panoramica a tutto tondo sulla vastità dell'altopiano lamonese e sovramontino, delimitati a nord dalle ultime montagne venete, prima di passare al confinante territorio trentino. Comodi sentieri e strade forestali immerse nei boschi di faggi ed abeti ci condurranno fino al colle di Pezzè, dove il bosco lascia spazio a soleggiate distese prative. La tappa successiva, nonché l'ultima, apre uno scenario storico di notevole interesse, ci riferiamo al ponte romano, simbolo della via romana che attraversa il comune di Lamon: la Via Claudia Augusta.


Traversata del Monte Coppolo
Giornata Intera: sabato 20 agosto
(P. Brocon - Leib - Piera Patha - Le Ei - Lamon)
Lughezza: 20 km
Dislivello: + 300 m
Durata: 5-6 h circa
Con vista su alcuni dei principali gruppi montuosi trentini e del Veneto a quota 1700m, l'itinerario è arricchito dall'importante testimonianza storica risalente alla prima guerra mondiale. Sul luogo un monumento e tabelle descrittive  commemorano Josef Kiss, aviatore austro-ungarico precipitato con il suo aereo.
Tra natura e storia la traversata ci porta dal Trentino al territorio lamonese.

Scopri

Osteria Ponte Serra
Il Ristorante
Pizzeria
Le camere
Il territorio
Contatti



ponte serra parco dolomiti bellunesi

Osteria Ponte Serra tutela e promuove i prodotti e i servizi legati al territorio del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi.

Orari

Bar - Osteria
Dalle 05.30 alle 20.00


Ristorante
Pranzo: dalle 12.00 alle 14.00
Cena: dalle 19.00 alle 21.30

Pizzeria
Dalle 19.00


Camere
Check-IN: dopo le ore 16.30
Check-OUT: entro le ore 10.00

Ponte Serra

“...nella sommità di quelle montagne che paggiono inascessibile, io ho veduto una villa di 300 fuochi chiamata Lamon, con buone case di muro, et con homeni benissimo complessionati, et con una campagna tutta coltivata fertilissima piana senza alcun sasso”.
Giulio Garzoni 1578
osteria ponte serra lamon sx